2006 battuti dal Lugano Élite

I ragazzi di coach Walter Bernasconi iniziano la seconda fase del campionato con una sconfitta

Lugano Èlite: 94

SAV 2006: 44

(28-12; 20-8; 23-14; 23-10)

Si è giocata sabato pomeriggio, alle palestre delle scuole elementari di Breganzona la prima partita valevole per il girone Élite U13 che ha visto la SAV cedere nel derby contro i cugini del Lugano Élite per 94-44.

Come in Coppa Ticino, il talento degli avversari era indiscutibile. Ma, contrariamente a quanto visto a dicembre, l’inizio dell’incontro sembra essere equilibrato. La cosa non piace per niente a coach Campiotti, costretto a chiamare subito un time out sul punteggio di 4-4 (la prima volta in cui le due squadre si sono incontrate, Lugano ha piazzato un parziale di 14-0 nei primi 5 minuti di gioco). Sistemate due cose, i Tigers rientrano in campo con una grinta che spaventa i nostri ragazzi, frenandoli e tenendoli a quota 12 punti alla fine del primo quarto (28-12).

Nel secondo periodo la storia non cambia. Gli avversari restano aggressivi e gli errori in casa SAV si fanno sempre più numerosi. Passaggi imprecisi, posizioni poco chiare e tante rimesse consegnate direttamente nelle mani dei bianconeri non permettono ai nostri ragazzi di accorciare le distanze. E sono i gialloverdi stessi ad accorgersi che le cose non vanno bene, iniziando quindi ad incitare i propri compagni e dandogli consigli dove possibile. Alla pausa il punteggio è di 48-20 per i padroni di casa, ma nulla è ancora perduto.

Il nervosismo e forse la voglia di riscattarsi hanno fatto commettere a Eydam 5 falli nel primo quarto, costringendo coach Walter a dover rinunciare ad un giocatore importante per tutto il secondo tempo. Nonostante questa “perdita”, i 2006 sono riusciti a reagire, ragionando su ogni azione e lasciando da parte ogni insicurezza. Le lotte sui palloni si sono fatte più frequenti e le azioni caratterizzate da pochi passaggi precisi l’hanno fatta da padrone, permettendo alla SAV di mostrare ai genitori in trasferta che nonostante Lugano fosse la nettamente favorita qualcosa di buono poteva essere fatto.

È stata una partita difficile, sia a livello fisico che a livello mentale. Ma alla fine sono stati i Tigers ad avere la meglio e a guadagnare i primi due punti di questa seconda fase. Forse qualcosa poteva andare meglio, ma alla fin dei conti si esce dalla sfida a testa alta. È stata una lezione per tutti, allenatori compresi: ora si ritorna in palestra ad allenarsi, perché mercoledì 13 affrontiamo lo Stabio.

Bravi ragazzi!

Hanno giocato: Leonardo 2, Laura, Alessio 6, Patrick 2, Simone 6, Enea, Gabriele, Fabio 24, Eydam 2, Francesco, Erjon 2.